top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreValentina Saracco

3 giorni a Rovaniemi tra Aurore, Husky e Babbo Natale


Tre giorni a Rovaniemi sono, a mio parere, perfetti come primo approccio per scoprire parte della Lapponia Finlandese e capire se è il tipo di paesaggio che fa per voi. Questa tranquilla cittadina nordica è da tutti conosciuta come la casa di Babbo Natale. Che ci andiate a Dicembre o ad Agosto, troverete sempre e comunque negozi che vi vendono renne di peluche e palline da mettere sull’albero, con canzoncine natalizie di sottofondo.


aurora boreale rovaniemi

Normalmente si viene qui in inverno, per l’atmosfera magica che si respira e per (provare) a vedere l’aurora boreale, ma nulla vi impedisce di fare un tour estivo, quando sarà bellissimo potervi tuffare negli innumerevoli laghi presenti in quest'area.


Da quest’anno (2023) con l’arrivo delle low cost con voli diretti dall’Italia, arrivare quassù è molto più semplice, anche se non più economico, infatti anche con Ryanair in alta stagione un volo a/r può serenamente arrivare a 600€ a testa (ah, senza bagaglio, of course). In alternativa si può fare scalo a Helsinki (o in altre città del Nord Europa) e risparmiare qualcosina, date un occhio qui per le offerte migliori.


Io ho trovato una super offerta per l’andata a una cinquantina di euro perché Easyjet aveva l’ultimo volo di andata della stagione proprio il giorno della nostra partenza, e poi sono tornata con un Ryanair ben più costoso (sui 250€).


Per un’esperienza unica come questa, comunque, ne vale la pena.

Quindi eccomi qui, io, che odio il freddo, a partire per uno dei posti più a Nord d'Europa in pieno inverno.


INDICE:


Quali sono le attività imperdibili da prenotare a Rovaniemi?


Innanzitutto vi servirà sapere che le attività vanno prenotate con almeno qualche settimana di anticipo (io ho preso l'ultimo posto per il tour con gli husky per puro cu*o guardando la settimana prima!) Altra informazione necessaria prima di prenotare qualsiasi cosa è: avete o non avete prenotato una macchina? Perché, nel secondo caso, alcune attività, come la ricerca dell'aurora, possono essere fatte anche senza tour, benché ovviamente farsi guidare dagli esperti massimizza le possibilità di vederla. Ciò detto, andiamo con ordine:


Vi lascio qui sotto qualche altra idea di gita. E no, come avrete notato, non sono esattamente economiche, ma siamo in Lapponia, dovreste essere psicologicamente già preparati alla cosa :)

Sono abbastanza 3 giorni a Rovaniemi?


3 giorni in Lapponia sono sicuramente pochi, ma per quanto mi riguarda, da NON amante del freddo e invece amante della varietà di paesaggio, posso dire che per me sono stati perfetti, di più mi sarei probabilmente annoiata.

Abbiamo guidato per circa tre ore a nord e tre a est, e quello che vedevamo fuori dal finestrino, per quanto magico ed affascinante, non è mai cambiato di una virgola.

Quindi mi sento perfettamente ok con i giorni in cui sono rimasta lì.


Se avessi fatto un giorno in più probabilmente sarei andata a Oulo per la curiosità di vedere il mare ghiacciato e magari avrei fatto un giro in motoslitta, impegnando un altro rene.

Però la sola idea di dovermi mettere 5 strati addosso prima di uscire di casa mi fa pensare che dai, alla fine anche a Milano si sta bene con la nebbia e il PM10 della Londra di fine 800.


lapponia rovaniemi


Rovaniemi con o senza auto? Cosa conviene?


Forse vi starete chiedendo se affittare o meno l’auto in Lapponia.

Io l’ho fatto e a posteriori vi dico che lo rifarei senz’altro.

Noi abbiamo prenotato tramite booking, trovandoci molto bene. Clicca qui per trovare le offerte per l'auto a Rovaniemi Abbiamo pagato circa 150€ per 3gg che non è una cifra così assurda, certo, poi c’è la benzina… però la libertà di movimento che vi dà una macchina è impagabile.

Non avere un’auto vuol dire quasi obbligatoriamente dormire in centro a Rovaniemi, che per quanto strategico, sicuramente non è bello da un punto di vista estetico e di contatto con la natura.

Tenete conto poi che spesso le varie escursioni che farete hanno la possibilità di pickup e vi vengono a recuperare in giro, però se non sono punti di raccolta standard si faranno pagare, e non poco.

Ci sono poi gli autobus, vero.

Ma stare ad aspettare l'autobus alla fermata a meno 20 gradi centigradi non è in nessun modo nella mia wish list delle cose da fare nella vita.

Quindi sì, costa, ma ti permette anche di fare “gratis” delle cose che con un tour pagheresti tantissimo, tipo andare a cercare l’aurora (a partire da 80€ a testa), o andare al parco delle cascate ghiacciate (130€ a testa circa).

Quindi, se è meramente una questione di costi, forse forse conviene la macchina.


lapponia rovaniemi


Se siete impauriti dalla condizione delle strade per la neve posso tranquillizzarvi, guidare lì non è assolutamente difficile e ovviamente le loro gomme sono fatte apposta (NB. Io però non mi sono mai trovata nel mezzo di una tempesta di neve, quello ovviamente sarebbe un altro discorso).


Dove dormire a Rovaniemi?


E torniamo alla domanda di cui sopra: volete noleggiare un'auto? Se la risposta è no la cosa più semplice è dormire in centro, ma anche molto meno affascinante. Noi abbiamo scelto di dormire fuori da Rovaniemi perché oggettivamente la città non ha grandi attrattive ed è molto più bello stare nei boschi. Abbiamo scelto il Palojärven Lomakeskus, affacciato sul lago ghiacciato in un'oasi di pace. Il nostro cottage era davvero molto carino anche se spartano (ci siamo dovuti fare noi il letto, che in realtà era un divano letto) e il bagno era quello che era, ma per me, per il rapporto qualità prezzo (un centinaio di euro a notte) è stato promosso a pieni voti.



Unica pecca, sono comunque quasi 40 minuti dalla città e, contando che da lì a Rovaniemi non c’è NULLA, bisogna fare tutti i giorni avanti e indietro a meno di non fare una vita da eremita. Se avete un pelino più di budget ecco altri posti molto belli un po' più vicini alla città come ad esempio:


Dove mangiare a Rovaniemi? Come si mangia in Finlandia?


Allora, onestamente ho mangiato meglio di quanto mi aspettassi. Ovviamente il rapporto qualità prezzo è mediamente terribile, ma siamo pur sempre in Finlandia. Lo scontrino medio per una cena era sui 40€ a testa per un piatto, un bicchiere di vino e mezzo antipasto (l'acqua è sempre gratis!). La cifra non è diversa da quella che spendo a Milano in un ristorante qualsiasi (certo magari con un po' più di qualità e varietà).


  • Promossissimo per quanto mi riguarda: Gustav. Cucina locale, ma con influenze da tutta Europa è incredibilmente raffinata per gli standard lapponi.



  • Purtroppo era pieno ma da provare assolutamente Nili, per autentica cucina lappone.

  • Abbiamo ripiegato su Roka, la mia trota non era affatto male, ma niente di imperdibile.

  • Non perdetevi il salmone al villaggio di babbo Natale da Santa's Salmon Place


Unica nota positiva di tutti i ristoranti: l’acqua è gratis ovunque e non esiste il coperto

Io un bicchierino di vino l’ho sempre chiesto perché va bene povera, ma astemia mai :)


Quanto abbiamo speso per 3 giorni a Rovaniemi?



freddo lapponia rovaniemi

A primo impatto la mia risposta sarà sempre: tanto, troppo :)

Ma ecco di seguito una breve lista dei costi principali

  • Voli: circa 250€

  • Hotel: circa 300€ x 3 notti in 2

  • Auto: 150€

  • Benzina 110€

  • Cene: circa 40€ a testa a cena (120x 3 cene)

  • Pranzi: circa 35€ a testa (70x 2 pranzi)

  • Escursioni: 160 cad per gli Husky

  • Spesucce: 30€ per colazioni e snack

  • Souvenirs: 15€ per 3 calamite :)


Tot: 910€ cad. Ouch.



Rovaniemi low cost - come sopravvivere alla Finlandia


Spendere poco in Finlandia è quasi impossibile, ma potete provare a seguire qualche accorgimento.

La cosa più facile da tagliare è la spesa ristorazione, cosa su cui ero stata bravissima in Islanda, e pessima questa volta perché "tanto sono solo 3 giorni...".

  • Se siete in spending review prendete una casa con angolo cottura e cucinate voi.  La Lidl finlandese ha dei prezzi abbordabili e dei prodotti interessanti, anche per i pranzi, potete prendervi dei panini al super, come abbiamo fatto noi quando siamo andati al parco nazionale. Certo, pranzare a meno 20 non è proprio cosa da tutti.

  • Cercate un hotel che non costi troppo, non ci passerete molto tempo. Belle, bellissime le bolle trasparenti da cui vedere l'aurora, ma sappiate che le percentuali di possibilità di poterla vedere direttamente dal letto sono veramente, ma veramente basse. Siate realisti e non vittime degli instagrammer di sta ceppa.

  • Macchina batte escursioni organizzate a livello economico, come dicevo prima

  • Non imbarcate il bagaglio, per così poco tempo è fattibile, credo in voi!

  • Scegliete 1 max 2 attività perché è ciò che più incide sul costo finale.

  • Limitate il numero di giorni, davvero 3 bastano

  • State a casa e fatevi mandare le foto dell'aurora dai vostri amici. Si scherza :)



autobus lapponia rovaniemi


Cosa mettere in valigia per 3 giorni a Rovaniemi


La cosa positiva è che 3 giorni sono davvero pochi, per cui, non dovendosi mai davvero vestire carini o eleganti, bastano dei vestiti molto pesanti a strati e poi un cambio al giorno per l’intimo.


In riassunto io avevo:

  • 3 calzettoni pesanti + 3 medio pesanti+ calze termiche riscaldabili tramite usb

  • 2 magliette termiche

  • 2 maniche lunghe classiche

  • Pantaloni termici

  • Pantaloni da sci

  • Pigiama potenzialmente convertibile in abbigliamento da giorno

  • Sciarpona

  • Cappello peloso

  • Guanti


Che avevo ma non ho usato:

  • 1 gilet riscaldabile tramite usb

  • 1 pile

  • 1 altro golf pesante

  • Scarpe pelose extra

Addosso: golfone di lana, doposci, maglia lunga, jeans


Quindi ora la domanda fatidica: ma posso andare a Rovaniemi solo con lo zaino senza pagare la priorità di Ryanair che mi costa quanto il volo?


Allora, io per sicurezza ho preso un trolley (in due) ma a posteriori, contando che ho portato cose che non ho usato per nulla, dico che non è infattibile.


State solo attenti perché da Rovaniemi a Bergamo mi hanno fatto mettere il bagaglio nell’aggeggio per misurarlo, quindi l’unica vera tecnica è la buona vecchia vestizione a Omino Michelin. Ovviamente è un consiglio che vale solo per gli zingari, chi ha una RAL sopra ai 25k annui può anche non farsi sto scrupolo e aggiungere un bagaglio per non impazzire :)


Come (provare a) vedere l’aurora boreale, qualche consiglio


La regola numero uno per vedere l'aurora boreale è semplice: avere culo! Innanzitutto il cielo deve essere sereno, se no anche inutile parlarne, a quel punto dovete pregare che l'attività solare in quelle notti sia buona. Poi ci sono ovviamente dei piccoli accorgimenti che vi aiuteranno:


  • Scaricate le app dedicate e attivate gli alert, potrete andare a dormire e svegliarvi solo se necessario (in questo caso però dovete dormire in un posto bello e lontano dall’inquinamento luminoso, a Rovaniemi centro non vale). Io avevo Aurora Alert che è ottima per la zona di Rovaniemi, con anche le webcam in tempo reale e MyAurora forecast, più ampio come zona.

  • Monitorare (anche) le app del meteo: no cielo sereno, no aurora, molto semplice. Quindi la regola numero uno è andare dove c’è sereno

  • Trovare un posto con visuale ampia tipo una collina (ma ce ne sono pochissime) o un lago o fiume ghiacciato

  •  Guardare verso nord

  • Andare verso nord, più si sale, più la probabilità di vederla forte aumenta

  • Pregare ed aspettare

  • Non demordere, a volte va via, ma poi torna (forse)

Noi alla fine l'abbiamo vista, ma non particolarmente forte e non senza fatica. Partite disillusi, così se poi la vedrete sarà bellissimo.



aurora lapponia rovaniemi


Cosa fare a Rovaniemi in 3 giorni: la mia esperienza


O meglio, cosa ho fatto in 3 giorni.

Noi abbiamo fatto 3 notti e due giorni e mezzo. Sicuramente non molto, ma abbastanza per avere un’assaggio di questa magica terra.


Giorno 1: arrivo, cena e occhiata al cielo


Arriviamo verso le 8 di sera e andiamo subito a recuperare la macchina.

Al banco non c’è nessuno, chiamiamo il numero indicato che dice che sì beh, non c’è nessuno adesso ma che prima o poi qualcuno arriverà.

Spoiler: è arrivato dopo mezz’ora. Capiamo subito che nonostante siamo al nord il mood è piuttosto rilassato, un po’ come in Islanda. Prendiamo l’auto e ci dirigiamo verso Rovaniemi per cenare. Primo test finlandese: guidare su strade innevate. Devo dire bene, pensavo molto più difficile. C’è neve ma raramente c’è ghiaccio, e le strade principali per quanto innevate hanno uno strato sottile bianco e non i cumuli, per cui la guida risulta semplice.


Avevo prenotato da Gustav, uno dei ristoranti migliori di Rovaniemi pare. Confermo, davvero buono e con un rapporto qualità prezzo mai più trovato.

Accendiamo tutte gli alert aurora e iniziamo a guardare meteo e siti dedicati perché è sereno, potenzialmente è un’ottima notte per vedere l’aurora.


Suona un allarme proprio mentre eravamo a tavola. Mannaggia, da qui è impossibile vederla. Usciamo in fretta dal ristorante sperando che ritorni ma no, non è mai tornata. Ci dirigiamo verso il nostro cottage che si trova a circa 40 min dal centro su un bellissimo lago ghiacciato. Un luogo ideale per vedere l’aurora. Facciamo due passi, attendiamo ancora un po’ e niente, andiamo a letto con tutti gli alert accesi e sveglie puntate ogni due ore per monitorare la situazione… ma nada. Quella sera non si è più fatta vedere.


neve lapponia rovaniemi

Giorno 2: Husky, villaggio di Babbo Natale e Aurora

La mattina successiva avevamo prenotato l’esperienza con gli Husky in un posto lì vicino.

Scopriamo però che nel raggio di 40km non c’è NIENTE per fare colazione. Avevo pensato di portarmi dei biscotti in valigia, ma poi l’ho completamente rimosso, quindi torniamo quasi fino a Rovaniemi dove c’è un benzinaio con un piccolo bar. Cioccolata calda terribile e dolcetto migliorabile, ma almeno non eravamo digiuni.

Eccoci pronti per il nostro tour in slitta con gli Husky.





Come prima cosa veniamo accolti da questi omoni barbuti finlandesi che ci danno tutta la roba per non morire di freddo. Nonostante i miei 5 strati non mi sono pentita affatto di aver aggiunto anche la loro tutona termica da spedizione polare (ti danno anche guanti a manopola, scarponi e cappello se non ne hai di adeguati).

La temperatura era di -21 lì, probabilmente -25 nei boschi, e andando in slitta ti arriva tutta l’aria gelata addosso, come piccole coltellate nella pelle, quindi mai rifiutare uno strato extra!

Io, per quanto sul resto del corpo stessi benissimo, mani e piedi ghiacciati li avevo lo stesso, nonostante l’attrezzatura (che comprendeva delle calze riscaldabili con USB).

Noi abbiamo scelto il giro da 10km, a 5 ci si ferma in una radura e se si vuole si può fare cambio guidatore, ovviamente noi l’abbiamo fatto. Tutto bellissimo se non che, nonostante tutto il mio peso sul freno, i cani tirassero come pazzi e se ne sbattevano altamente dei miei 55 chili che provavano invano a fermarli. Ho sempre saputo di avere molto poco polso con gli animali, e questa ne è stata la riprova. Tant'è che a un certo punto ci hanno tolto un cane perché "you have got too much power here". Ma dai, non ce ne eravamo accorti... Il giro completo in slitta non è lunghissimo, massimo, ma massimo un’ora, con le pause. Poi però tirano l’attività fino alle 12 offrendoti della cioccolata nella tenda riscaldata e lasciandoti un pochino di tempo per coccolare gli husky.




È incredibile quanto questi cani abbiano voglia di correre. Prima di partire passano tutto il tempo a saltare e ululare e si placano solo quando iniziano a sgambettare.

Ora, a mio parere il prezzo per questa attività è piuttosto folle (160€ a testa), ma che dire, si è qui una volta nella vita, e buttiamoli sti soldi. Se volete spendere un po' meno (130€ comunque) c'è il giro di 5km al posto di 10, valutate voi se può valerne la pena o meno.

In generale comunque è stata un’esperienza molto bella, i paesaggi visti dalla slitta erano semplicemente magici! I cani sono trattati bene (per quanto pur sempre da animali e non da “pet”) ed è sicuramente un'esperienza unica che non vi capiterà spesso di rifare in Italia (anche se in 2 o 3 posti la fanno).


💩

Finito il tour andiamo verso il villaggio di Babbo Natale che si trova poco fuori a Rovaniemi.

È una turistata pazzesca?

Sì. Puoi evitare di vederlo? Beh, direi di no se sei venuto fino in Lapponia.

In realtà il villaggio è piuttosto grande e composto da tantissime diverse costruzioni: hotel, ristoranti, negozi di souvenir a non finire, incontri con Babbo Natale e così via.

Il villaggio in sé non è a pagamento, ma qualsiasi cosa tu voglia fare poi la paghi. Puoi mandare letterine a babbo Natale e spedirle dove vuoi, oppure puoi incontrarlo "di persona" e dirgli cosa desideri (e poi acquistare la foto per SOLI 30€....).

Anche qui potete farvi trainare dagli Husky o dalle renne ma, per quanto costi molto meno, parliamo di 500 metri contro i 10 km fatti da noi. Proprio giusto per dire, va beh, facciamo la foto. Sicuramente non sono paragonabili le due esperienze.



Avremmo voluto mangiare nel ristorante dove fanno il salmone che consigliavano tutti, ma era pienissimo con tanto di fila fuori, quindi abbiamo ripiegato su un altro posto, comunque molto carino, con tanto di fuocherello in centro e vista renne. Il salmone era buonissimo anche qui, anche se più caro (welcome to Finland) e la renna bah, andava provata, ma non l’ho trovata entusiasmante.


Finito il giro turistico, decidiamo di prendere la macchina e puntare già dal pomeriggio tutto a Nord perché, si sa, più si va a nord, più possibilità ci sono di vedere l’aurora.


Quindi andiamo verso Levi, una piccola località sciistica a circa 2 ore di auto da Rovaniemi. Facciamo due passi per le due vie che ci sono, ammiriamo le piste e andiamo a mangiare in una steak house, che però vi consiglio solo se avete un sacco di soldi da spendere provando le varie carni particolari, per una tagliata e un hamburger troverete sicuramente posti meno pretenziosi in città.


Nel frattempo, dopo una giornata azzurrissima, ovviamente, vista la nostra rinomata fortuna, il cielo si è rannuvolato, non del tutto coperto, ma nemmeno perfetto.

Monitoriamo l’attività solare e niente. L'aurora dorme, è pigra. Si muove qualcosa più in su, così scegliamo di salire ancora, un’altra oretta… inutilmente. Chilometri e chilometri di strade dritte, senza una curva, senza un'auto, alberi innevati a destra e a sinistra. Il nulla.


Iniziamo a scendere perché ormai siamo a ben più di 3h di strada da casa. Tornando però ripassiamo da Levi e ci fermiamo in uno spot tattico quasi in cima alle piste da sci consigliato da degli amici che ci erano già stati e…. Eccola!!! Piccolina, debole, ma è proprio lì, proprio sopra le nostre teste. Ammettiamolo, dall’Iphone sembra più verde. Però oh, almeno non avevamo buttato via 8ore di guida e svariate decine di euro in benzina.


lapponia rovaniemi

Il giorno dopo abbiamo visto dall’app che una mezz’ora dopo che ce ne siamo andati ha avuto un picco di attività molto forte, ma non sapremo mai realmente questo cosa avrà significato. E onestamente non voglio saperlo, un po' come non vuoi sapere con chi se la fa il tuo ex adesso, va bene così. Amen, è stato bello.


Andiamo a dormire alle 3.30 passate dopo una strada ETERNA senza una curva, solo alberi innevati e strada innevata. Come del resto tutta la Lapponia.

Giorno 3: Cascate di ghiaccio e Rovaniemi centro


La mattina successiva, non avendo dormito una mazza, ci svegliamo un pelino più con calma, facciamo colazione nel cottage con le cose comprate al super e siamo andati in direzione Korouoma un parco naturale dove è possibile ammirare le cascate di ghiaccio. Si trova a circa 1h30 di auto da Rovaniemi e 2 dal nostro cottage.


Il percorso a piedi è un anello di 5km che dura circa 2h e 30. Il dislivello è poco, ma qualsiasi micro discesa sarà un’impresa piuttosto ardua a meno che non abbiate con voi dei ramponcini. Il sentiero è molto ben indicato e completamente innevato. Si può fare anche con soli scarponi da neve (noi l’abbiamo fatto) ma mettete in conto di cadere culo a terra un po’ di volte. Altamente sconsigliato in caso di osteoporosi!

A mio modestissimo parere il parco è bello, ma non imperdibile.

Cioè, parliamoci chiaro, probabilmente abbiamo cascate ghiacciate più belle in Nord Italia. Ciononostante vale la pena per la bellezza e l’incanto dei boschi innevati. Durante il giro completo si possono vedere 4 cascate grandi, se siete ben attrezzati potete anche avvicinarvi, altrimenti meglio lasciare stare e guardarle dal sentiero. Se volete fare meno fatica c’è anche un sentiero da un chilometro o poco più che vi porta direttamente a vedere la cascata più grande ( e vicina) senza fare tutto i giro ad anello.



Finito il trekking torniamo verso Rovaniemi, un giretto in centro, che non ha davvero niente di invidiabile tranne qualche ristorante e un paio di centri commerciali, e cerchiamo un posto per cena. Avremmo voluto andare dal famosissimo Nili per la sua cucina lappone, ma purtroppo non avendo prenotato era tutto pieno, quindi abbiamo ripiegato su Roka (senza infamia e senza lode). Oggi il cielo è completamente coperto, quindi all’aurora non ci pensiamo proprio e torniamo a nanna per la nostra ultima notte.


La mattina, purtroppo, è già tempo di ripartire, quindi due passi sul lago ghiacciato e via verso l’aeroporto.

La nostra avventura in Lapponia è già finita. Torneremo? Forse. Ora mi piacerebbe provare la Norvegia, chissà. E voi, ci siete già stati?


lago ghiacciato lapponia rovaniemi

 

Ciao, ci conosciamo?

Sono Valentina, felice di vederti sul mio Blog! Scrivo di fughe da Milano in Lombardia e dintorni, ma spesso e volentieri fug go oltreconfine.


Se ti interessano questi viaggi, troverai tanti altri articoli in questa sezione del sito. A presto!

 



Se seguite i miei consigli, o avete dei suggerimenti a riguardo, fatemelo sapere nei commenti o in privato. Mi fa sempre molto piacere. Se volete vedere altri contenuti simili seguitemi su instagram e scoprite post, reel e stories in evidenza! Buone fughe da Milano!




92 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page