top of page
Cerca
  • Valentina Saracco

Val Vertova: dove fare il bagno e come arrivare alle cascate

Aggiornamento: 5 giorni fa

Il sentiero per la Val Vertova è una bellissima passeggiata nel bosco, che costeggia un torrente ricco di pozze cristalline, perfette per un bagno (ghiacciato!) o anche solo per un po' di sano relax. Ma occhio alla ressa, la domenica vengono normalmente prese d'assalto.


val vertova


La Val Vertova, gioiello della Val Seriana, regala camminate tranquille nei boschi, intervallate da splendide pozze d’acque turchesi e piccole cascatelle rinfrescanti. Il luogo ideale per una fuga dall’afa di Milano e un tuffo nel blu glaciale che troverete in questo splendido percorso.



COME RAGGIUNGERE LA VAL VERTOVA DA MILANO

In auto da Milano è molto comodo, ci si arriva in poco più di un’ora prendendo la strada per Bergamo. Attualmente la macchina va lasciata nei vari parcheggi a pagamento a Vertova (ci sono anche gratuiti, a sono veramente pochi) Se invece non siete muniti di auto, e amate l’avventura, potete prendere il treno fino a Bergamo e poi un autobus in direzione Albino che porta direttamente a Vertova (ma prima verificate bene giorni e orari!http://www.bergamotrasporti.it/ )


IL SENTIERO DELLE POZZE DELLA VAL VERTOVA


Da Cà Rosèt (dove una volta si poteva parcheggiare, ma oggi non più, quindi la troverete dopo più di mezz’ora di cammino) dovrete imboccare il sentiero che costeggia il torrente. Sarà divertente attraversarlo più volte tramite ponticelli e strutture in sospensione create apposta per il percorso. Dopo non moltissimo potrete vedere le Cascate della Val Vertova. Andando avanti sulla stessa strada vi troverete davanti ad un bivio (sentiero 527 e il sentiero 525A) tenendo la destra potrete arrivare fino alla fine del sentiero che termina con un cancello. Se invece volete raggiungere le sorgenti vi basterà seguire il sentiero 527 e proseguire per altri 30 minuti. Si tratta di una piacevole passeggiata, chiamarlo trekking è un po' eccessivo. Un'escursione perfetta per i giorni di pigrizia o con bambini al seguito.



fare il bagno in val vertova



AGGIORNAMENTO 2021 A partire dal 5 luglio (e fino al 15 settembre), nella fascia oraria tra le 8 e le 17, l’accesso alla Val Vertova sarà a numero chiuso: non più di 1400 persone al giorno. Il biglietto sarà acquistabile sul web, con la possibilità di scegliere il giorno dell’escursione, oppure tramite il totem in loco (in paese ci saranno dei pannelli luminosi che indicheranno il numero di accessi ancora disponibili). Il pass costa 2,50 euro per gli adulti e 1 euro per i ragazzi sotto i 18 anni. Tutte le info su www.vallevertova.it





PRO E CONTRO DI UNA GITA IN VAL VERTOVA



Quanto è bella la Val Vertova?

Molto, moltissimo, le sue pozze d’acqua trasparenti sono davvero uniche nel loro genere e merita indubbiamente una visita però… Di seguite le mie impressioni: PRO

  • Il sentiero che porta alle varie vasche è davvero semplice, a tratti a ciottoli, a tratti di terra, non presenta nessunissma difficoltà e davvero poca pendenza. Quindi benissimo anche per eventuali nani e nanetti. Inoltre è quasi tutto all’ombra, quindi perfetto per le giornate super afose!

  • DOVE MANGIARE IL VAL VERTOVA? Primi di iniziare il sentiero vero e proprio avrete addirittura due agriturismi a poche decine di metri l’uno dall’altro per potervi sfamare! Noi abbiamo scelto il primo (Val Vertova Roset), vista le temperatura abbiamo ordinato solo un tagliere misto per due, (di certo non il più buono che abbia mai mangiato) per una quindicina di euro. Il problema è che ci hanno messo una VITA a portarcelo, contando che è roba fredda, è abbastanza inspiegabile, nel caso la prossima volta testeremo il secondo. Sicuramente non sono stata l'unica a rimanere un po' delusa, contando che ha il punteggio più basso che io abbia mai visto su TripAdvisor! Nel secondo agriturismo (Azienda Agricola Verzeroli Claudio), sulla strada del ritorno abbiamo preso un gelato e dei formaggi locali (uno buonissimo, due non particolarmente entusiasmanti, ma va a gusti!) Tenete conto che su TripAdvisor è a 4,5 decisamente meglio del precedente!


  • Inoltre, sempre a inizio sentiero, trovate un grandissimo prato in cui distendervi a prendere il sole. Già, perché per quanto sembri bellissimo e romanticissimo, stare abbarbicati sulle rocce accanto al torrente, alla lunga risulta piuttosto scomodo. Senza contare che se andate nel weekend è anche possibile che il posto non lo troviate, o che gli spazi liberi siano completamente all’ombra.


CONTRO


  • Nel 2020 la navetta che prima portava dal paese di Vertova fino all’inizio del sentiero delle vasche è stata sospesa causa Covid, quindi dovrete fare a piedi tuuuuutta la strada a partire dal paese. Che, per l’amor di Dio, è anche una bella strada asfaltata che costeggia il fiume, ad ogni modo noi ci abbiamo messo circa 40 minuti, ad andatura costante. Una volta raggiunto l’inizio del sentiero (ben indicato e quasi impossibile da perdere) si può percorrere il percorso fino a dopo le piccole cascate che lo caratterizzano in più o meno la stessa quantità di tempo (estremamente diluita da fotina/bagnetto/fotina/bagnetto).

  • Questa lunga passeggiata sembra che comunque non abbia scoraggiato il turismo. Quest’anno si sa, son tutti in Italia, e i lombardi tutti in Lombardia, quindi di domenica c’era veramente tanta gente. Non da non poterci andare, assolutamente, ma se cercate un luogo incontaminato dove non incontrare altri essere umani, non è questo!

  • Se volete fare il bagno, e non solo una bella passeggiata, sappiate che l’acqua è davvero ghiacciata. Io per quanto freddolosa, non ho grossi problemi con l’acqua fredda, temprata per anni dall’oceano portoghese. Ma quando dico fredda intendo che sono dovuta uscire di corsa e massaggiarmi i piedi dal dolore dei geloni. E’ vero, io ho fatto la stupidaggine di voler fare il bagno nelle pozze più in alto per evitare la ressa. Ecco, non fatelo, se volete tuffarvi scegliere le prime vasche dove la temperatura sembra più accettabile.

  • Altro fattore da tenere in considerazione, essendo una sorta di gola tra le montagne, il sole, quello diretto, c’è solo nelle ore centralissime della giornata, già dalle 3 la maggior parte delle vasche sono ombreggiate. Quindi, lo so, è una triste storia, ma se volete accaparrarvi il posto migliore, con i parcheggio vicino, la roccia piatta e al sole… dovete arrivare di buon mattino.


E con questo ho concluso. Se seguite i miei consigli, o avete dei suggerimenti a riguardo, fatemelo sapere nei commenti o in privato. Mi fa sempre molto piacere. Se volete vedere altri contenuti simili seguitemi su instagrame scoprite post, reel e stories in evidenza! Buone fughe da Milano!


3.135 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti
bottom of page