top of page
Cerca
  • Valentina Saracco

Trekking al Monte Cornizzolo e San Pietro al Monte (da Civate)

Aggiornamento: 19 feb 2022

Il Monte Cornizzolo è un grande classico del Triangolo Lariano, perfetto per tutte le stagioni. Io ho avuto la fortuna di farlo sommersa dalla neve, ed è stata un’esperienza davvero unica.


monte cornizzolo trekking neve

Il trekking lo definirei medio. E’ indubbiamente impegnativo, ma niente di infattibile per chi ha un minimo di allenamento. Noi ci abbiamo messo circa 5 ore in tutto (la neve ci ha sicuramente rallentato non poco) per un totale di 10km circa e 1000 metri di dislivello.




COME ARRIVARE A CIVATE


Ci sono svariati modi per arrivare, quello più comune è il sentiero che parte da Civate.


  • IN AUTO DA MILANO

A Civate ci si arriva in meno di un’ora di auto, una volta arrivati parcheggiate in via Pozzo, dove troverete un grande parcheggio, oltre ad altri piccoli posteggi sparsi. Se impostate su Google Crotto del Capraio, vi porterà nei paraggi.


  • IN TRENO


Da Milano, sia dalla stazione Centrale che da quella di Porta Garibaldi, si può prendere il treno per Civate che arriva a destinazione in circa 1h30 per poco più di 5 euro. ATTENZIONE dalla stazione all'inizio del sentiero vi serviranno però altri 30/40 minuti, tenetelo in conto.



IL PERCORSO PER IL CORNIZZOLO DA CIVATE


Come dicevo ci sono svariati percorsi per salire al Cornizzolo (ad esempio, sempre in Treno, potete partire anche da Canzo). Oggi però vi racconto il sentiero che passa per l'abbazia di San Pietro al Monte e arriva in vetta passando per il rifugio SEV.



Una volta parcheggiato cercate le indicazioni per San Pietro, è ben indicata, ma nel caso, mettete su Google il Crotto del Capraio e tenetelo in mente per un’eventuale sosta al ritorno ;) Il sentiero che dovrete seguire è il numero 10.



monte cornizzolo trekking neve sentieri

Dopo un primo tratto pianeggiate vi aspettano 45min/ 1ora di salita, principalmente su gradoni bassi di pietra, apparentemente innocui, ma io, dopo mesi di lock down, li ho accusati non poco. La strada è costellata da cartelli informativi, probabilmente anche per permettere alla gente di fermarsi facendo finta di voler leggere, quando invece stanno solo riprendendo fiato :) La strada ad ogni modo è molto piacevole e ombreggiata, perfetta anche per l’estate.



L’abbazia è costruita su una piana, con la neve era veramente affascinante, ma sicuramente lo è anche con un bel sole estivo. Qui se vi portate i panini al sacco è un posto ideale per fare un pic-nic o riposare sull’erba.

SAN PIETRO AL MONTE



Purtroppo causa Covid e gita infrasettimanale non abbiamo potuto visitare l’interno dell’abbazia, ma dicono tutti che sia spettacolare. In periodi più felici è visitabile la domenica tramite visita guidata. Sul loro sito potete tenere monitorate le aperture https://www.amicidisanpietro.it/

La leggenda narra che sia stato Desiderio, famoso re dei Longobardi a costruirlo, per compiere un voto fatto dal figlio, Adalgiso, rimasto accecato durante una battuta di caccia al cinghiale e poi miracolosamente guarito. La storia vera è un po’ diversa e comunque è molto difficile da rintracciare chi davvero per primo volle questa abbazia. Inoltre, nei secoli ha subito moltissime ricostruzioni tra il nono e l'undicesimo secolo, trasformandosi nel capolavoro di architettura romanica che vediamo oggi. Se volete saperne di più sulla storia vi invito nuovamente ad andare a visitare il loro sito.


Bene, ora che vi siete un po’ riposati possiamo proseguire, sempre per il percorso 10 che, tra un bosco e l’altro, inizierà a regalarvi panorami meravigliosi. Per arrivare al rifugio ci vuole circa 1h15 minuti (sempre con neve), il percorso è molto bello e rilassante, sicuramente la pendenza c’è, ma l’ho avvertita molto di più nel primo tratto per arrivare a San Pietro.


monte cornizzolo trekking neve sentieri

Dal rifugio, avrete una vista sensazionale sui laghi, sulla valle e sulle due cime più vicine: Cornizzolo e il Monte Rai.

monte cornizzolo trekking neve sentieri

Se andate a sinistra (indicatissimo) in circa 20 minuti arriverete sulla tanto agognata croce del Cornizzolo dove potrete finalmente riposare e godervi la vista


monte cornizzolo trekking neve sentieri

NB se invece andrete a destra con una manciata di minuti in più potrete raggiungere l’antenna del Monte Rai.



monte cornizzolo trekking neve sentieri

Per tornare indietro noi abbiamo optato per un giro a “simil anello” una volta tornati al rifugio abbiamo imboccato il sentiero 11 per poi ricongiungerci con il 10 proprio a San Pietro, arrivandoci poco sotto. A differenza del 10, per lo più boschivo, il sentiero 11 affaccia costantemente sul lago, che in una giornata di sole come quella che abbiamo beccato noi, è una vera benedizione. Tra l’altro, vista la neve fresca abbiamo potuto farlo per lo più correndo e saltellando, come se camminassimo sulla bambagia.



Da lì, torniamo sui nostri passi verso il parcheggio, seguendo la stessa strada dell’andata.


https://www.rifugi.lombardia.it/lecco/civate/rifugio-consigliere-marisa.html


ATTENZIONE: Verificate le condizioni meteo e del percorso prima di salire. Io non avevo i ramponcini (amazon me li avrebbe consegnati il giorno dopo) diciamo che non mi sono mai sentita in pericolo (la strada non era quasi mai ghiacciata) in compenso ho fatto il quadruplo della fatica rispetto a chi era attrezzato. Fino al rifugio è stato abbastanza easy, ma gli ultimi 20 minuti per salire e scendere dalla vetta li ho fatti principalmente con le mani in terra in salita e con il culo nella neve in discesa :D

DOVE MANGIARE


Li ho già citati entrambi, ma vale sempre la pena ripetersi. Se volete fare un pranzo ad alta quota, allora optate per il rifugio Consigliere Marisa, che purtroppo era chiuso quando sono andata io, ma promette molto bene. Se invece volete mangiare all’inizio o alla fine del percorso non posso che consigliarvi il quotatissimo Crotto del Capraio, dove noi ci siamo fermate per merenda, ma hanno anche un’ottima cucina montana (io ho preso un tagliere misto da asporto, perché sia mai che vado in montagna e non mangio qualcosa di tipico!).



Bene, non mi resta che augurarvi buona gita. Avete trovato interessante questo articolo? Se me lo faceste sapere con un commento mi rendereste una ragazza molto felice :)


3.200 visualizzazioni1 commento

Post correlati

Mostra tutti
bottom of page